Discworld: la superserie dedicata ai romanzi di Terry Pratchett

Il 17 gennaio di quest’anno la BBC ha postato la prima immagine di The Watch, la cui prima stagione di otto episodi sarebbe ispirata alla guardia cittadina di Ankh-Morpok, la più grande e convulsa città del mondo disco o Discworld creato dal leggendario e purtroppo prematuramente scomparso Terry Pratchett.


La serie vede la presenza di alcuni dei personaggi storici della saga, come il capitano Sam Vimes, l’ultima rappresentante della nobiltà lady Sybil Ramkin, l’ingenuo e eroico Carrot, la misteriosa Angua, l’ingegnoso tecnico della scientifica Cheery e l’iconografica rappresentazione della morte secondo Pratchett. Le foto rilasciate, hanno però ricevuto un riscontro leggermente negativo dai fan, da chi l’ha definita una serie cyberpunk e nemmeno lontanamente somigliante alla città immaginata da Pratchett . Perfino Rhianna Pratchett, figlia del defunto autore e al comando della casa di produzione da lui creata, seppure indirettamente aveva criticato il risultato finale.


Ora si è appreso che Narrativia, la casa di produzione creata da Pratchett e guidata dalla figlia, ha stretto un accordo con altre due case di produzione, la Motive Pictures e la Endeavor Content per realizzare una super serie tv basata (e non ispirata) sui quarantuno romanzi della saga in una serie di adattamenti che le tre case di produzioni hanno sottolineato saranno assolutamente fedeli alle opere di Pratchett.
Rihanna Pratchett ha sottolineato che i suoi soci condividano perfettamente la sua visione di come far diventare Discworld una realtà. Non a caso il CEO della Motive Simon Maxwell a sua volta ha dichiarato il suo intento di creare una epica serie ad alto impatto mondiale che porti la leggendaria creazione di Pratchett alle nuove generazioni, mentre Lorenzo De Maio, capo consigliere dei contenuti per la Endeavor si dichiara onorato di poter portare sullo schermo questo capolavoro narrativo.
Non ci resta che aspettare news su inizio riprese e altro che ha subito come tutti i film del globo una battuta d’arresto per la crisi COVID.

In realtà i romanzi di Pratchett in passato hanno già avuto, con risultati altalenanti, ma fedeli alla storia, degli adattamenti sia nel mondo del fumetto; nel 1992 la Corgi ha pubblicato una graphic novel su Il colore della magia, adattata da Scott Rockwell e illustrata da Steven Ross.
Un adattamento televisivo di Il colore della magia e La luce fantastica, dal titolo Terry Pratchett’s The Colour of Magic con David Jason nel ruolo di Scuotivento, Sean Astin in quello di Duefiori e Christopher Lee in quello di Morte, è stato prodotto dalla The Mob Film Company per Sky One e trasmesso nel periodo pasquale del 2008