News-Giugno 2020

Cristiano Godano-Pronto l’album solista
Dopo 30 anni coi Marlene Kuntz, Cristiano Godano decide di mettersi alla prova come solista e pubblica l’album “Mi Ero Perso Il Cuore“, in uscita per Ala Bianca/Warner il prossimo 26 giugno.
Il primo singolo che anticipa l’album è Ti Voglio Dire, “una canzone in cui sento palpitare la sofferenza e il conforto, e tutto il disco sarà una lunga dialettica fra questi due elementi: per anime sensibili come le vostre sarà un ritrovarsi empatico e, spero, nutriente. L’auspicio è una sorta di catarsi per tutti, me compreso.


 

Due nuovi brani per Jake Bugg

Jake Bugg ha approfittato del lockdown per scrivere due nuovi brani, di recente ha pubblicato una nuova canzone, “Rabbit Hole”.
Dopo il recente brano “Saviors Of The City” ecco quindi una nuova uscita, è stata scritta e registrata a Los Angeles con Tobias Jesso Jr. e Andrew Wells (Ellie Goulding, Jason Mraz). “Senza musica forse sarei pazzo, rinchiuso in un manicomio, io credo che la musica possa far riflettere e donare alle persone tanto”.


Paul Banks nuova band nuovo album

Muzz è il nuovo progetto di Paul Banks: il trio è formato dal leader degli Interpol con il batterista Matt Barrick (Jonathan Fire*Eater, Walkmen, Fleet Foxes) e il polistrumentista Josh Kaufman (Bonny Light Horseman). Il loro primo album uscirà il 5 giugno per Matador e si chiamerà appunto Muzz.
La band nasce da una lunga amicizia tra Banks e Kaufman che si conoscono dall’adolescenza quando vivevano tutti e due in Spagna. Barrick ha suonato la batteria nel progetto Banks + Steelz e in alcuni album di Kaufman. Josh ha lavorato anche al progetto solista di Paul Banks, Julian Plenti. Un insieme di connessioni che li lega da tempo.


Edda & Marok connubio vincente
E’ uscito il singolo “Servi dei servi”, accompagnato dal video diretto da Michele Bernardi. “Servi dei servi” è il primo estratto da “Noio; volevam suonar.”, il disco regalo di Edda e Gianni Maroccolo (Marok) pensato e realizzato con furia in piena quarantena.
Il testo del brano è un omaggio allo scrittore Marco Philopat e allo storico centro sociale Virus. Un brano che, come dicono le note stampa, rievoca gli anni ’80 di una Milano antagonista a quella da bere, fremente di punk e cultura underground, eredità, in pieno riflusso, dell’antagonismo del decennio precedente. Ma come accade per le altre tracce dell’album – realizzato in piena fase 1 – anche in Servi dei servi la dimensione del ricordo privato si lega in qualche modo alla condizione di sgomento collettivo vissuta in quarantena: “tempo ce n’è, potere ne abbiamo/tutti d’accordo e mo’ che cazzo facciamo?” canta Edda sul giro di basso di Marok.
L’album, in uscita il 30 giugno per Contempo Records, sarà infatti disponibile gratuitamente sia nella versione digitale che in quella fisica (cd o vinile).


Nuovo album dalla New Zeland
A quasi due anni di distanza dal loro debutto sulla lunga distanza, “Future Me Hates Me”, The Beths, la band di Auchland, sta per ritornare con un nuovo LP, “Jump Rope Gazers”, la cui uscita è prevista per il prossimo 10 luglio via Carpark Records.
Il sophomore della band indie-pop di Auckland viene definito dalla press-release come “un passo oltre i confini del loro debutto, mantenendo quel senso di energia febbrile e malizioso.”
Dopo il primo singolo, “Dying To Believe”, rilasciato il mese scorso, oggi arriva un altro estratto, “I’m Not Getting Excited”